Detraibile la spesa per la frequenza delle “sezioni primavera”

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 7/E del 4 Aprile 2017 ha confermato che per le spese sostenute dai genitori per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido spetta una detrazione dall’imposta lorda pari al 19 per cento delle predette spese. Continua a leggere Detraibile la spesa per la frequenza delle “sezioni primavera”

Dalla Fondazione Unipolis 400 mila euro per dare nuova vita a spazi abbandonati o in fase di transizione

La Fondazione Unipolis ha lanciato il bando nazionale “culturability – rigenerare spazi da condividere” per sostenere progetti innovativi in ambito culturale e creativo ad alto impatto sociale, che recuperano e danno nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione.

Bando 2017

Le novità sul 5 per mille 2017: pubblicata la circolare dell’Agenzia delle Entrate

Pubblicata oggi sul sito dell’Agenzia delle Entrate la circolare n. 5/E che spiega le novità riguardanti il 5 per mille. Gli enti già inseriti nel 2016 non dovranno più presentare la domanda ogni anno. L’eventuale variazione del rappresentante legale dovrà essere comunicata entro il 30 Giugno 2017. In considerazione delle suddette novità, L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato oggi anche l’elenco permanente degli iscritti.

Gli enti che, invece, desiderano inserirsi per la prima volta negli elenchi del 5 per mille avranno tempo da Lunedì 3 Aprile a Lunedì 8 Maggio 2017 per presentare la domanda e poi sino al 30 Giugno 2017 per inviare la cosiddetta dichiarazione sostitutiva.

Censimento Istat Istituzioni no profit

Il 10 Marzo, l’ISTAT ha comunicato che, a seguito dei problemi tecnici riscontrati negli ultimi giorni nel sistema informatico e dei ritardi verificatisi nella consegna dei materiali di rilevazione, le organizzazioni coinvolte nella Rilevazione campionaria sulle istituzioni non profit potranno fornire le informazioni richieste entro il 10 Aprile p.v..
L’ISTAT invita a provvedere al più presto anche perché accedere al sistema di compilazione negli ultimi giorni utili potrebbe far incorrere in problemi tecnici dovuti al sovraccarico del sistema.

Per maggiori informazioni consultare direttamente la sezione dedicata del sito dell’ISTAT.

Lo School Bonus per chi dona a Scuole Statali e Paritarie: questo sconosciuto!

Introdotto dalla Legge 13 Luglio 2015, n. 107, è un’agevolazione fiscale molto interessante riconosciuta a chi dona alle scuole statali e paritarie.

Poco conosciuto e poco sfruttato da entrambe le tipologie di scuola, altro non è che un credito d’imposta (risparmio) riconosciuto a persone fisiche, aziende ed enti non commerciali che effettuano erogazioni liberali in denaro destinate ad investimenti per:

  1. la realizzazione di nuove strutture scolastiche;
  2. la manutenzione e il potenziamento di quelle esistenti;
  3. il sostegno a interventi che migliorino l’occupabilità degli studenti.

Lo Stato riconosce fino al 65% di credito per le erogazioni effettuate nel 2017 e fino al 50% per quelle effettuate nel 2018. Il credito riconosciuto viene poi ripartito in tre quote annuali di pari importo.

Cosa significa, concretamente, per una persona fisica che, ad esempio, dona 1.500 euro nel 2017? Significa che guadagna un bonus di 975 euro da utilizzare come segue:

  • nella dichiarazione 2018 (redditi 2017): 325 euro;
  • nella dichiarazione 2019 (redditi 2018): 325 euro;
  • nella dichiarazione 2020 (redditi 2019): 325 euro.

La persona fisica può donare direttamente alla scuola paritaria sul conto corrente da questa indicato. Se dona ad una scuola statale deve, invece, versare la somma allo Stato che poi la girerà alla scuola. In entrambi i casi, il 10% della donazione andrà assegnato alle scuole che risultano destinatarie delle erogazioni liberali in un ammontare inferiore alla media nazionale.

Quali sono gli adempimenti per la scuola che riceve la donazione?

L’art. 6 del Decreto interministeriale dell’8/4/2016 MIUR stabilisce che:

“Gli istituti del sistema nazionale di istruzione beneficiari dell’erogazione liberale pubblicano sul sito web istituzionale, in una pagina dedicata, l’ammontare delle erogazioni liberali ricevute per ciascun anno finanziario nonche’ le modalita’ di impiego delle risorse, indicando puntualmente le attivita’ da realizzare o in corso di realizzazione.”

Come si vede, non sono adempimenti difficili per le scuole. Si tratta di intravedere un cambiamento di mentalità e di investire maggior tempo nella cura delle persone e delle relazioni. Significa, probabilmente, uscire dalle pastoie di una burocrazia lenta ed asfissiante ed intraprendere la strada di una programmazione di largo respiro che includa anche questo nuovo tipo di attività.

Contributi allo Sport in Sicilia

In attuazione degli articoli 13 e 14 della Legge regionale n. 8 del 16 Maggio 1978, il 3 Marzo scorso è stato pubblicato sulla GURS (Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana) il Decreto del 20 Febbraio 2017 riguardante la disciplina per la richiesta e l’erogazione dei contributi destinati al potenziamento delle attività sportive isolane per la stagione sportiva 2017.

Estratto GURS 3 Marzo 2017